Il vino nel legno: la realizzazione dei vasi vinari con legno locale (REVIVAL)

 

 

PSR 2014-2020 della Regione Toscana – Sottomisura 16.2 Bando GAL START

Progetto realizzato con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze.

L’obiettivo principale del progetto è quello di trasferire un modello sperimentale di valorizzazione enologica del legno locale. Il progetto prende spunto da studi e prove svolte nell’ambito di un progetto di ricerca finanziato alla Fondazione per il Clima e la Sostenibilità dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze. Nell’ambito di questo progetto sono state svolte prove su legno di castagno, di roverella, di cerro e di farnia, per la realizzazione di doghe. Nel caso del castagno siamo arrivati alla realizzazione di carati da 250 litri e sono state svolte limitate prove di affinamento del vino. I risultati sono stati incoraggianti e le richieste di informazioni e di collaborazione sono giunte da numerose cantine della Toscana.

Partendo da questa esperienza gli obiettivi sono:

  • valutare le quantità e le qualità del legno di castagno, presente in Mugello, atto alla valorizzazione ad uso vinario;
  • trasferire le competenze per la realizzazione di doghe ad alcune segherie locali e contemporaneamente trasferire i contatti di tutti i potenziali interessati all’approvvigionamento di legno locale;
  • svolgere prove di affinamento del vino in carati di castagno e valutarne i connotati;
  • svolgere prove di comparazione con vini affinati in legno di rovere francese e se possibile in legno di farnia locale;
  • avviare un percorso di sensibilizzazione verso una decina di cantine toscane interessate all’impiego di questo prodotto, attraverso la diffusione di carati realizzati nel corso del progetto, al fine di sensibilizzarle verso l’impiego della filiera delle doghe locali;
  • acquisire le conoscenze storiche sull’impiego del legno locale e sui nomi utilizzati per le botti di varie dimensioni, ivi compresi le singole componenti;
  • svolgere approfondimenti sulle componenti salutistiche rilasciate dal legno di castagno al vino;
  • avviare un percorso di tracciabilità volto all’incentivazione di legno locale;
  • avviare un percorso di sensibilizzazione dei consumatori verso l’impiego di vino affinato in castagno.

 

PARTNERS
Castello di Verrazzano
Fondazione per il Clima e la Sostenibilità (FCS)
Società Agricola Lavacchio
Dipartimento di Gestione dei Sistemi Agrari, Alimentari e Forestali (GESAAF – UNIFI)
IBE – Istituto per la Bioeconomia (ex-CNR-IVALSA)
Dipartimento di Neuroscienze, Psicologia, Area del Farmaco e Salute del Bambino Partner (NEUROFARBA – UNIFI)