FOLLOW US

facebook twitter googleplus_red

CERCA

Most Recent Articles

“Tornare a utilizzare le botti di castagno per l’affinamento di vini moderni” (WineNews)

Posted by on mag 23, 2017 in News, PROVACI, Stampa | commenti

Tornare a utilizzare le botti di castagno, fino a pochi decenni fa largamente impiegate nell’enologia toscana e italiana più in generale, e oggi sostituite da quelle in rovere francese, per l’affinamento dei vini moderni. È la scommessa di Luigi Cappellini, proprietario del Castello di Verrazzano, con il Chianti Classico Gran Selezione Valdonica 2015, un 100% Sangiovese affinato in botti di castagno dei boschi del Chianti, presentato oggi in anteprima a Firenze, all’Accademia dei Georgofili (dov’era presente, tra gli altri, del direttore dimissionario del Consorzio del Chianti Classico, Giuseppe Liberatore).
La scelta di tornare a usare botti di castagno, ha spiegato Cappellini, “rappresenta un segno di distinzione e di tradizione. Ci poniamo nelle condizioni di migliorare la piacevolezza dei prodotti e ultimo, ma non ultima, porli in relazione con la complessità della civiltà contadina, ormai quasi abbandonata, e legarli ai vari saperi e a tutte le altre specificità agricole della zona. Così – continua il proprietario di Castello di Verrazzano – abbiamo deciso di provare ad affidare l’invecchiamento di una parte della nostra produzione al contatto con questo legno che condiziona il gusto del vino e lo caratterizza fortemente. Perché si parla di vini a km 0 ma poi le botti arrivano da fuori, anche dall’estero. Abbiamo creduto così nelle potenzialità di un vino affinato nel castagno locale”.

L’idea di impiegare botti di castagno ha preso il via da un progetto, curato dall’Accademia dei Georgofili, nel quale si sottolineava come fino ai primi decenni del Novecento, il Chianti Classico veniva stoccato in botti di legno del territorio. Da qui il progetto di valorizzazione della produzione legnosa dei boschi del territorio (“Provaci”) svolto dalla Fondazione per il Clima e la Sostenibilità con il contributo dell’Ente Cassa di risparmio di Firenze e presentato all’Accademia dei Georgofili. Allora, venne evidenziato come i boschi di castagno e roverella dell’area del Chianti Classico (la superficie boschiva è di 48.000 ettari) possono produrre due milioni di tonnellate di legname derivante e, solo nel caso del castagno, da ogni ettaro possono essere ricavati 120 metri cubi di legname, una quantità significativa, che aumenterebbe di valore e allo stesso tempo favorirebbe uno sviluppo occupazionale legato alla produzione di queste attrezzature per le cantine.

Continua a leggere l’articolo

Grazie a WineNews.it

 

 

Read More

La valorizzazione della filiera cerealicola regionale: visita guidata ai campi sperimentali – dimostrativi della tenuta di Cesa (25 maggio)

Posted by on mag 18, 2017 in Eventi / Incontri, News | commenti

25 maggio 2017, ore 9,00
Terre regionali toscane – Tenuta di Cesa
Località Cesa, via Terchio, 2
Marciano della Chiana (Arezzo)

LA VALORIZZAZIONE DELLA FILIERA CEREALICOLA REGIONALE:
VISITA GUIDATA AI CAMPI SPERIMENTALI – DIMOSTRATIVI DELLA TENUTA DI CESA

Con l’iniziativa odierna si vuol far conoscere, ad operatori e tecnici del settore, il servizio di supporto per le imprese agricole finalizzato al contenimento e ad un uso razionale dei presidi sanitari per la difesa delle colture (PAN), presentare i risultati del progetto LIFE + “SEMENTE PARTECIPATA” (selezione e tecniche agronomiche per accrescere la qualità del frumento duro) e del progetto LIFE + “IPNOA” (contenimento dell’emissione dei gas serra in agricoltura), illustrare i risultati delle prove della Rete nazionale di confronto varietale su frumento duro e tenero.

INVITO

Read More

Incontro “Le metodologie agronomiche e tecnologiche atte ad incrementare la “shelf-life” del Pane Toscano DOP” (19 maggio)

Posted by on mag 15, 2017 in Convegni, News, PANE+DAYS | commenti

Venerdì 19 maggio 2017 ore 10.30
AGRITURISMO BACCOLENO ASCIANO
53041 Località Baccoleno (SI)

INCONTRO SUL TEMA
“LE METODOLOGIE AGRONOMICHE E TECNOLOGICHE ATTE AD
INCREMENTARE LA ‘SHELF-LIFE’ DEL PANE TOSCANO DOP

Lo scopo dell’incontro è di definire il piano strategico di innovazione su cui basare le future proposte di ricerca e innovazione legate alla produzione del Pane Toscano DOP. Il coinvolgimento di attori provenienti da diversi ambiti ha l’obiettivo di individuare soluzioni concrete per le aziende agricole mirate a risolvere problemi specifici o sfruttare particolari opportunità.

Progetto “Pane + Days”

INVITO E PROGRAMMA COMPLETO

Read More

Incontro “Gran Selezione a KM0: Sentiamoci il castagno” (18 maggio)

Posted by on mag 14, 2017 in Eventi / Incontri, News | commenti

Castello di Verrazzano e Accademia dei Georgofili
hanno il piacere di invitarLa il
18 maggio 2017, ore 10.30
Firenze, Accademia dei Georgofili

GRAN SELEZIONE A KM 0 
Sentiamoci il castagno
Degustazione guidata del Chianti Classico Gran Selezione 100% Sangiovese Valdonica

Incontro e relazione su
“I boschi del Chianti, la filiera del legno. Il Castagno locale e le sue prospettive di valorizzazione”

INVITO

Read More

Site Stats

  • 84860Totale visitatori:
  • 16Oggi:
  • 21Visitatori per giorno:
  • 0Users Online:

Fondazione Clima e Sostenibilità

Cod.Fisc. e P.IVA 04151630482 - Reg. Regionale Persone Giuridiche n.35 - R.E.A. di Firenze n. 476184 - Organismo formativo accreditato Regione Toscana cod. n. FI0741.